AnnalisaMelas

Immagini nuove

I prossimi calzini spaiati arrivano da un viaggio in Norvegia, un luogo per me magico.
Sono immagini semplici, quasi banali, raccolte volando ad ali spiegate sopra un mondo che ho sempre pensato troppo bello per poter essere rinchiuso in pochi millesimi di secondo. E, in effetti, ogni volta che guardavo il risultato di uno scatto mi risultava insulso rispetto all'immensa bellezza dei paesaggi che mi si aprivano davanti agli occhi, quando erano liberi, non vincolati dall'intermediazione dell'obbiettivo.
Avrei voluto che tutta l'immensità di quei paesaggi finisse dentro i quattro terzi di un'immagine digitale, e non riuscivo a farlo.
Mi resi conto che non era possibile: non potevo riprodurre esattamente ciò che accadeva nell'istante in cui sceglievo di scattare, nemmeno se si trattava di un paesaggio immobile. L'emozione sarebbe sempre rimasta fuori e, in qualsiasi caso, guardando un'immagine avrei sempre pensato che le mancasse qualcosa.
Allora pensai, con un violento moto di stizza: "E cosa me ne faccio della macchina fotografica se non posso fotografare tutto quello che vedo, come lo vedo?"
Lo capii più tardi, quando accettai che non si scattano foto solo per se stessi, ma anche per gli altri; compresi allora che un singolo scatto, nel momento in cui finisce davanti ad occhi diversi da quelli che l'hanno prodotto, non è più parte dell'istante in cui è stato creato, ma viene avvolto da altre emozioni, altri ricordi, da un mondo completamente nuovo che ne modifica profondamente il contenuto.
Link
https://www.annalisamelas.it/immagini_nuove-d12298

Share link on
CLOSE
loading